Brand Name Stories, B. Ferrari, L. Liguori,  2005 Lupetti Editori di Comunicazione
Ognuna delle 70 storie di nome mette in evidenza il valore del brand name, le sue motivazioni, origini e significati. Bellissime immagini di campagne pubblicitarie del tempo che fu, di prodotti e loghi colorano le storie e ricreano uno spaccato della nostra vita fatta di marche, prodotti-icona, mondi concreti e simbolici.

Brand naming: Letture consigliate

Per approfondire i diversi aspetti legati al brand naming, si consigliano le seguenti letture:

Brand Name Stories, Beatrice Ferrari e Linda Liguori, Lupetti Editori di Comunicazione, 2005
75 grandi marche raccontate attraverso il loro nome: aneddoti curiosi, racconti brevi, semplici, sintetici che partono dall’origine del nome e svelano la genesi della marca. Bellissime immagini di prodotti, loghi e campagne pubblicitarie colorano le storie e creano uno spaccato della nostra vita fatta di marche, prodotti-icona, mondi concreti e simbolici.
Ulteriori informazioni

Hello, My Name Is Awesome: How to Create Brand Names That Stick, Alexandra Watkins, 2014
Qualche dritta su come creare un buon nome e come assicurarsi un dominio disponibile; al centro del libro un sistema di valutazione dei nomi basato sugli acronimi s-m-i-l-e e s-c-r-a-t-c-h. Tanti esempi e una scrittura fresca e piacevole.
Ulteriori informazioni

Il nome della marca, M. Botton, J.J. Cegarra, B. Ferrari, 1996 Guerini e Associati, 2015 e book
Una guida per capire il naming e il significato del dare un nome ad un prodotto, con le implicazioni a livello di strategia della marca, sistema linguistico e disciplina giuridica. Un glossario illustra la terminologia tecnica e in chiusura c’è l’elenco delle classi giuridiche di prodotti e servizi, e note specifiche di Proprietà Industriale.
Ulteriori informazioni

The name of the beast, N. Taylor, 2007 Cyan
Uno scrittore e direttore creativo illustra la sua esperienza e i suoi successi, tratteggiando con humor gli aspetti più e meno divertenti del naming.
Ulteriori informazioni

Brand Naming, A. Cellotto, 2005 Cleup
Uno studio del nome di marca nel marketing e nei saperi che si incrociano quando si deve cercare un nome; e insieme una analisi comparata di metodi, strumenti e prospettive adottate dai principali istituti che creano nomi in Italia.
Ulteriori informazioni

Branding,C.A. Pratesi, G. Mattia, 2006 Mc Graw Hill
Un manuale che focalizza il cambiamento del ruolo della marca nell’attuale economia fatta di attributi estetici, culturali ed etici.
Ulteriori informazioni

Qual è Takete? Qual è Maluma?, F. Belli, F. Sagrillo, 2000 Franco Angeli
Un affondo nella psicolinguistica per verificare cosa effettivamente mettiamo in campo quando attribuiamo un senso a quello che conosciamo. Percezione, sensorialità, studio del funzionamento del cervello, e applicazione della psicolinguistica a vari aspetti della comunicazione.
Ulteriori informazioni

Microstyle, C. Johnson, 2012 Norton & Company
Scrivere “piccoli” testi è un arte: una guida per rendere efficaci non solo nomi o base line, ma anche slogan, jingles, headlines. Ce ne parla un ricercatore americano.
Ulteriori informazioni

Dimmi come ti chiami e ti dirò perché, M. Orsi, 2013 Editori Laterza
Non una semplice raccolta e spiegazione di nomi propri e cognomi, ma una divertente trasvolata su usi, mode, costumi, identità degli italiani, e su come le altre culture e lingue hanno influenzato le nostre scelte di nomi, sin dai tempi degli antichi romani.
Ulteriori informazioni

Che nome sei, P. Calafato, 2006 Meltemi Editore
Le funzioni del nome nell’ampio palcoscenico della comunicazione: per mostrarsi, per celarsi, per identificare, per creare caricature, fino ad arrivare a cogliere il vero senso dell’anonimato.
Ulteriori informazioni

Piacere, Felice Mastronzo, A. Cotella, A. Magnino, L. Faenza, I. Marabotto, 2005 Gruppo Editoriale Armenia
Quando la realtà supera la fantasia … una compilation di nomi e cognomi impensabili ma, sembra, esistenti, valutati e, quando possibile verificati. “Ci sono proprio tutti. Ma non solo gli ormai classici Domenica Melalavo e Felice Porcu. Ci sono anche quelli che tradiscono le aspettative dei genitori (Furioso Orlando, Norma Secondo Ciampi, Robert Hood, Giovanni Don), quelli che confermano il ruolo della religione nella nomastica italiana (Felicissimo Del Signore, Allegra Della Santunione, Rosario Festivo), quelli vagamente hard (Elena Dallavia, Rosa Sederino, Modesto Loprendo) e tanti altri ancora.”
Ulteriori informazioni

MInisemantica, T. De Mauro, 1982 Editori Laterza
Il modo in cui i significati si organizzano neGiochi linguistici inventati da una geniale professoressa per far sbocciare nei ragazzi delle scuole medie l’amore per la lingua e per le sue infinite possibilità espressive.lle parole e frasi e in altri linguaggi: l’autore mette in luce la straordinaria plasticità delle lingue naturali e dell’intelligenza umana.
Ulteriori informazioni

I draghi locopei, E. Zamponi, 1986 Einaudi
Giochi linguistici inventati da una geniale professoressa per far sbocciare nei ragazzi delle scuole medie l’amore per la lingua e per le sue infinite possibilità espressive.
Ulteriori informazioni

Calicanto, E. Zamponi, R. Piumini 1998 Laterza
Scrivere poesie è un modo per mettere alla prova la lingua giocando con il ritmo e con il suono, con il segreto e con l’immaginazione. Il fare poesia rivela i suoi ingranaggi e le sue visioni, in un crescendo di piacere e di divertimento.
Ulteriori informazioni

I Misteri dell’alfabeto, Marc-Alain Ouaknin, 2003 Atlante
Dalle prime antiche forme di scrittura alle lettere dell’alfabeto, la cui iconicità è illustrata in modo preciso e ricco per ciascuna lettera. Il segno diventa rappresentazione della cosa, e da qui, linguaggio. Favolose le incursioni nelle culture antiche: semitica, aramaica, araba, ebraica e le comparazioni con i segni delle lingue e culture di oggi.
Ulteriori informazioni

Lingua madre, D. Falk, 2009 Bollati Boringhieri
Una antropologa americana studia la nascita del linguaggio e ne riconduce l’origine alle cure materne e all’evoluzione dei primati: la stazione eretta, le modifiche della posizione del bacino, la possibilità di portare il proprio piccolo in braccio, la necessità di deporlo per occuparsi della raccolta di frutti e semi … tutte queste conquiste hanno portato all’uso della lingua.
Ulteriori informazioni

Marchi, G. De Liso, 2008 Lupetti Editori di Comunicazione
Un direttore creativo e docente di comunicazione illustra gli aspetti grafici di marchi, loghi, simboli, icone, inserendoli nel più ampio contesto della marca e delle necessità del marketing.
Ulteriori informazioni

Misticanze, G.L. Beccaria, 2009 Garzanti
Il cibo è anche nomenclatura, varianti, ricchezza verbale. Contrassegna identità culturali, religiose, di classe; è prescrizione, divieto, comportamento. Intorno a questi temi Gian Luigi Beccaria, infaticabile esploratore della lingua e della letteratura mette in tavola gran messe di parole del cibo e intorno al cibo, attraverso un viaggio compiuto tra la selva dei nomi regionali e le mille varianti dialettali, Il tutto ricomposto in saporite e imprevedibili “Misticanze”.
Ulteriori informazioni

I nomi del mondo, G.L. Beccaria, 1995 Einaudi
Il famoso storico della lingua ricostruisce le trame di parole estinte o quasi, facendo riaffiorare il sottofondo della nostra cultura. Dietro le parole si vedono le corrispondenze con un mondo soprannaturale, fatto di credenze e di saperi secolari sedimentati su queste parole “fossili”: i nomi del mondo.
Ulteriori informazioni

La lingua colora il mondo, G. Deutscher, 2013 Bollati Boringhieri
Uno studio approfondito per verificare e capire come la lingua influenza il nostro modo di pensare e di percepire la realtà: attraverso esempi tratti da varie lingue l’autore dimostra che la lingua che ogni cultura parla può avere influenze marcate sulla percezione delle cose.
Ulteriori informazioni

Nomi e cultura, E. De Felice, 1987 Marsilio Editori
Un libro che affronta il tema dei riflessi sulla cultura italiana dei nomi personali. Emergono aspetti sommersi della nostra cultura che ricostruiscono il quadro delle passioni politiche, sociali, religiose dell’Italia dall’800 alla fine del ‘900.
Ulteriori informazioni

Il padre dei nomi, P. Teobaldi, 2002 Edizioni e/o
Un copywriter marchigiano realizza il suo talento di nominatore e battezzatore di prodotti nella Milano degli anni 60. Una favola ambientata in un paese produttivo e ottimista, di sapore olivettiano, che tra dialetti, lingue classiche, lingue moderne, etimologia, mitologia, retorica dà un grandi soddisfazioni ai lettori appassionati di linguaggio.
Ulteriori informazioni

Au nome d’Alexandre, Olivier Auroy, 2016 Intervalles
La storia di Alexandre creativo e creatore di nomi, e della giornalista Fanny, incaricata di scrivere la sua storia e intrigata dal personaggio e dal suo straordinario mestiere.
Ulteriori informazioni

La manomissione delle parole, G. Carofiglio, 2010 Rizzoli
Il noto giallista svolge un’indagine letteraria, politica ed etica sull’uso delle parole, soprattutto quando queste producono trasformazioni che cambiano la realtà e ne manipolano i sensi. Bisogna pertanto sottoporre le parole ad una attenta manutenzione, che ne ripristini la forza originaria, aderente alla cosa.
Ulteriori informazioni

Con parole precise. Breviario di scrittura civile G. Carofiglio, 2015 Laterza
Scrivere bene, in ogni campo, ha un’attinenza diretta con la qualità del ragionamento e del pensiero. Implica chiarezza di idee da parte di chi scrive e produce in chi legge una percezione di onestà.
Ulteriori informazioni

Ecolalie, D. Heller-Roazen, 2005 Quodlibet
L’ecolalia è un disturbo che consiste nel ripetere involontariamente parole e frasi pronunciate da altri. La tesi è che ogni lingua è l’eco di un’altra e per dimostrarlo l’autore attraversa i territori della mitologia, psicoanalisi, teologia, letteratura, linguistica.
Ulteriori informazioni

Cratilo, Platone, 1996 Laterza
Il rapporto tra un nome e la cosa designata è naturale o convenzionale? Un raffinato dialogo di Platone ci introduce nelle pieghe della significazione e dell’arbitrarietà della lingua.
Ulteriori informazioni

Parlo dunque sono, A. Moro, 2012 Adelphi
Un professore di linguistica che dialoga con i pensatori occidentali che hanno creato la cultura, per capire le “proprietà specifiche” del linguaggio.
Ulteriori informazioni

Bazzecole Andanti, Anacleto Bendazzi, 1996, Garzanti
Una preziosa raccolta di bizzarrie letterarie: anagrammi, bisticci di parole, etimologie gustose, scioglilingua … tra il sacro e il profano.
Ulteriori informazioni

Grammatica della fantasia, G. Rodari, 1997 Einaudi
Un libro sull’energia liberatoria della parola e sul valore dell’immaginazione: “… una parola, gettata nella mente a caso, produce onde di superficie e di profondità, provoca una serie infinita di reazioni a catena, coinvolgendo nella sua caduta suoni e immagini, analogie e ricordi, significati e sogni …”.
Ulteriori informazioni

La magia delle parole: la riscoperta della metafora, A. Fonzi, E. Negro Sancipriano, 1975 Einaudi
La metafora vista in una dimensione socio-psico-linguistica; non solo un espediente linguistico, ma un modo di conoscere e un personale approccio con il mondo. La metafora viene vista anche come un antidoto all’inibizione delle istituzioni sociali attuali, soprattutto la scuola.
Ulteriori informazioni

Il parlar figurato, B. Mortara Garavelli, 2010 Editori Laterza
Tantissime figure retoriche presentate e analizzate da una competentissima docente universitaria di grammatica. Esempi e testi dotti per capire i giochi che si possono fare usando il linguaggio in modo figurato.
Ulteriori informazioni

Senza Parole, V. Giardino, M. Piazza 2008 Bompiani
Una immagine vale mille parole … il libro indaga le proprietà fondamentali del ragionamento per immagini. Il pensiero umano attiva sistemi di rappresentazione eterogenei: visivi, spaziali, linguistici, che operano insieme per gli scopi cognitivi.
Ulteriori informazioni

I sei lati del mondo, G. Raimondo Cardona, 2006 Editori Laterza
Linguistica, psicologia, etnologia e semiologia si incrociano per capire come il linguaggio è in rapporto con il nostro modo di conoscere.
Ulteriori informazioni

Petit histoires de marques, J.W. Augouard, 2001 Editions d’Organisation
Un dizionari di nomi di marca che illustra il significato, l’origine e la ricchezza dei più importanti brand names della nostra storia.
Ulteriori informazioni

Trademark a name, S. Smith, 2012 per kindle
Un libro scritto da un legale che spiega come la protezione del trademark renda un nome un solido investimento per la marca: il libro entra in tutte le tematiche della proprietà industriale (registrazione, classificazione, cybersquatting …) ed esplora anche il tema dei nomi di dominio.

Pensiero divergente e creatività: Letture consigliate

Relativamente al pensiero divergente e alla creatività, si trovano ottimi spunti nei seguenti testi:

La creatività, istruzioni per l’uso, H. Jaoui, 1994 Franco Angeli

L’avvocato dell’angelo, H. Jaoui, I. Dell’Aquila, 2010 Franco Angeli

66 Tecniche creative per formatori e animatori, H. Jaoui, I. Dell’Aquila, 2013 Franco Angeli Manuali

Tutti innovatori, H. Jaoui, 2003 Il Sole 24 Ore

La trama lucente, A.M. Testa, 2010 Rizzoli

Usiamo la testa, T.Buzan, 2003 Frassinelli

Mappe mentali, T.Buzan, B. Buzan, 2002 BBC Publisher

Creatività e pensiero laterale, E. De Bono, 1998 Rizzoli

Disegnare con la parte destra del cervello, B. Edwards, 1982 Longanesi & C.

L’immaginazione creativa, A. Osborn, Franco Angeli

Il cervello istruzioni per l’uso, J. Medina, 2008 Bollati Boringhieri
Fantasia, B. Munari, 1977 Laterza

Cosa rende felice il tuo cervello, D. DiSalvo, 2011 Bollati Boringhieri